lista degli album che mi sconfinferano

3210331

Non è una misera lista o classifica dei dischi più importanti, non intendo diventare l’ennesimo talebano del web che tutto sa e niente ignora, io ignoro parecchio e mi sta parecchio bene.

Quelli che qui elenco sono i miei dischi preferiti in questo preciso momento. Un elenco che sicuramente subirà cambiamenti anche radicali nei mesi, proprio perché ogni giorno i miei gusti si evolvono (ehm…) assieme alla mia capacità di assimilazione.

Resta un fatto conclamato che i miei gusti facciano cagare, ma vabbè, cazzi miei, mica vostri.

La lista si divide idealmente in Dischi Imprescindibili (DI) e Saltuariamente Girano Sul Piatto (SGSP), la seconda categoria può sembrare infamante ma è tutt’altro, sono mezzo gradino sotto gli altri perché, più che altro, mi andava di dividerli in due categorie con rispettive sigle che fa tanto figo.

La scelta dei dischi si basa su un miliardo e mezzo di fattori. Dalla prima impressione (Genesis) ai ricordi ad essi legati (vedi i due album dei Black Mountain), dallo stupore ancora ingenuo (il “Bags & Trane” di Milt Jackson e John Coltrane) alle mie strane e perverse passioni (i dischi degli Orinoka Crash Suite). Comunque: non ho fatto nessuna operazione di stampo vagamente critico, sarebbe una lista molto diversa, una lista che sicuramente non sono in grado di fare.

Ci sono delle esclusioni incredibili? Sì, anche per me se è per questo, ma non mi metterò di certo a discutere il perché di ogni disco o artista escluso!

Bando alle ciance, ecco il listone:

Amon Düül II – Yeti (DI)
Andrew Lloyd Webber – Jesus Christ Superstar (DI) [sì, mi piacciono un casino i musical, sfottetemi pure]
Area – Crac! (SGSP)
Area – Gli dei se ne vanno, gli arrabbiati restano (SGSP)
Arnold Schoenberg – Five Orchestral Pieces (SGSP)
Art Blakey & The Jazz Messengers – Moanin’ (DI)
Arthur Brown – The Crazy World of Arthur Brown (SGSP)
Artie Shaw & His Orchestra – Frenesi (SGSP)
Artur Rubinstein – Champagne, Chocolate & Chopin (DI)
Béla Bartòk – Romanian Folkdances for small orchestra (DI)
Betty Harris – Soul Perfection (SGSP)
Black Flag – Damaged (SGSP)
Black Mountain – Black Mountain (SGSP)
Black Mountain – In The Future (SGSP)
Black Sabbath – Master Of Reality (DI)
Black Sabbath – Paranoid (DI)
Blind Wille Johnson – The Complete (DI) [raccolta]
Blue Cheer – New! Improved! Blue Cheer (SGSP)
Blue Cheer – Vincebus Eruptum (DI)
Bo Diddley – Hey Bo Diddley (DI) [raccolta]
Bob Dylan – Bob Dylan (SGSP)
Bob Dylan – Bringing It All Back Home (SGSP)
Bob Dylan – The Times They Are A-Changin’ (SGSP)
Brian Auger & The Trinity – Definitely What! (SGSP)
Brian Auger & The Trinity – Tiger / Beedle And Bo (DI) [singolo]
Buffalo Springfield – Buffalo Springfield (DI)
Buffalo Springfield – Buffalo Springfield Again (SGSP)
Butthole Surfers – Butthole Surfers (SGSP)
Camper Van Beethoven – Key Lime Pie (SGSP)
Camper Van Beethoven – Telephone Free Landslide Victory (DI)
Can – Ege Bamyasi (DI)
Can – Monster Movie (DI)
Can – Soundratcks (DI)
Can – Tago Mago (DI)
Captain Beefheart – Clear Spot (SGSP)
Captain Beefheart & The Magic Band – Doctor at the radar Station (SGSP)
Captain Beefheart & The Magic Band – Lick My Decals Off, Baby (DI)
Captain Beefheart & The Magic Band – Shiny Beast (Bat Chain Puller) (DI)
Captain Beefheart & The Magic Band – I’m Going to Do What I Wanna Do: Live at My Father’s Place 1978 (DI) [live]
Captain Beefheart & The Magic Band – Ice Cream for Crow (DI)
Captain Beefheart & His Magic Band – Safe As Milk (DI)
Captain Beefheart & His Magic Band – Strictly Personal (DI)
Captain Beefheart & His Magic Band – Trout Mask Replica (DI)
Caravan – In The Land Of Grey And Pink (SGSP)
Cat Stevens – Harold & Maude (DI) [colonna sonora del film “Harold & Maude” del geniale Hal Ashby, probabilmente amo il disco perché amo il film]
Charles Mingus – Blues & Roots (DI) [la cosa migliore che io abbia mai sentito nella musica tutta]
Charlie Parker Septep / Miles Davis All Stars – Ornithology / A Night In Tunisia (DI) [singolo]
Circle Jerks – Group Sex (DI)
Corners – Beyond Way (DI)
Cracker – Cracker (SGSP)
Cracker – Kerosene Hat (DI)
Crime – San Francisco’s Still Doomed (DI)
Curtis Mayfield – Super Fly (SGSP) [colonna sonora dell’omonimo film]
Daniel Asia – Symphony No. 3 (SGSP)
David Thomas & Two Pale Boys – Meadville (SGSP)
Dead Boys – Young, Loud and Snotty (DI)
Dr. Feelgood – Private Practice (DI)
Dreamsalon – Soft Tabe (DI)
Duke Ellington – The Afro-Eurasian Eclipse (SGSP)
Edgar Broughton Band -Edgar Broughton Band (SGSP)
Edgar Broughton Band – Wasa, Wasa (DI)
Ennio Morricone – Allonsanfan (DI) [magnifica colonna sonora del bellissimo film omonimo dei fratelli Taviani]
Faust – Faust (DI)
Faust – Faust IV (DI)
Faust – So Far (DI)
Faust – The Faust Tapes (DI)
Fifty Foot Hose – Cauldron (DI)
Francis Poulenc – Concert champêtre FP49 (DI)
Frank Zappa – Cheap Thrills (DI) [raccolta]
Frank Zappa – Hot Rats (SGSP)
Frank Zappa – Freak Out! (DI)
Fred Neil – Fred Neil (SGSP)
Free Cake For Every Creature – Pretty Good (DI)
Funkadelic – Maggot Brain (DI)
Galt MacDermot – Hair (DI) [musiche del famosissimo musical del 1967, librettisti James Rando e Gerome Ragni]
Genesis – Selling England By The Pound (SGSP)
Genesis – Trespass (SGSP)
Gentle Giant – Octopus (DI)
Gershwin – Rhapsody In Blue / An American In Paris (DI)
Hank Williams – 40 Greatest Hits (DI) [raccolta]
Harsh Toke – Light Up and Live (DI)
Has A Shadow – Sky Is Hell Black (DI)
Hawkwind – In Search Of Space (SGSP)
Herbert Von Karajan: Berlin Philharmonic Orchestra – Tchaikovsky: Symphony #2 In C Minor (DI)
Howlin’ Wolf – The Chess Box (DI) [raccolta]
Hüsker Dü – Zen Arcade (DI)
It’s A Beautiful Day – It’s A Beautiful Day (SGSP)
It’s A Beautiful Day – Choise Quality Stuff / Anytime (SGSP)
Jethro Tull – Aqualung (DI) [anche se li infamano tutti a me ancora piacciono, che ci posso fare?]
Jethro Tull – Living In The Past (SGSP)
Jimmy Smith – Back At The Chicken Shack (SGSP)
John Cale – Fear (SGSP)
John Coltrane – A Love Supreme (DI)
John Zorn – Bar Kokhba (SGSP)
John Zorn – The Gift (SGSP)
John Zorn – Voodoo (DI)
Jordi Savall – La Folia 1490-1701 (DI)
Kim Fowley – Outrageous (SGSP)
Kim Fowley – The Trip / Beautiful People (DI) [singolo]
King Crimson – USA (DI) [live]
Kingdom Come – Galactic Zoo Dossier (DI)
Kingdom Come – Journey (SGSP)
Kingdom Come – Kingdom Come (DI)
Kingsmen – Best of the Kingsmen (DI) [raccolta]
Klause Schulze – Irrlicht (SGSP)
La Piramide di Sangue – Sette (DI)
La Piramide di Sangue – Tebe (DI)
Lepo Sumera – To Search Yesterday (SGSP) [raccolta]
Link Wray – Rumble! The Best of (DI) [raccolta]
Little Feat – Crack In Your Door (SGSP)
Little Feat – Live At Ultrasonic Studios (DI) [live]
Little Feat – Sailin’ Shoes (SGSP) [live]
Lou Reed – Metal Machine Music (DI)
Magma – Mekanïk Destruktïw Kommandöh (DI)
Marvin Gaye – In the Groove / I Heard It Through the Grapevine! (SGSP)
Mason Bates – Mothership, Ohio University Wind Symphony (SGSP)
MC5 – Kick Out The Jams (DI)
Meat Puppets – Meat Puppets II (DI)
Meat Puppets – Up On The Sun (SGSP)
Mike Oldfield – Tubular Bells (DI)
Miles Davis – Bitches Brew (SGSP)
Milt Jackson & John Coltrane – Bags & Trane (SGSP)
Minutemen – Double Nickels On The Dime (SGSP)
Mirrorism – Mirrorism (DI)
Monks – Black Monk Time (DI)
Moondog – The Viking Of Sixth Avenue (DI) [raccolta]
Mountain – Climbing! (SGSP)
Mountain – Nantucket Sleighride (SGSP)
Muddy Waters – Electric Mud (SGSP)
Mulatu – Mulatu From Ethiopia (DI)
Mule – Mule (SGSP)
My Bloody Valentine – Loveless (DI)
Neil Young – Live At Massey Hall 1971 (DI)
New York Dolls – New York Dolls (SGSP)
Nick Cave & The Bad Seeds – Tender Prey (DI)
Nick Cave & The Bad Seeds – The Good Son (SGSP)
Nine Inch Nails – Pretty Hate Machine (DI)
Nine Inch Nails – The Downward Spiral (DI)
On Dog – Part I: Sloeblack (DI) [il loro concerto del febbraio 2015 al Metastasio Jazz è stata un’illuminazione!]
On Dog – Part II: White Horse Y La Rumba (DI)
Orinoka Crash Suite – Volume 1: 18 Reasons To Love Your Hater To Death (DI)
Orinoka Crash Suite – Volume 1: 34 Reasons Why Life Goes On Without You (DI)
Orinoka Crash Suite – Volume 2 (DI)
Otis Redding – Very Best of (DI) [raccolta]
Patti Smith – Horses (DI)
Pentangle – Solomon’s Seal (SGSP)
Pere Ubu – Dub Housing (DI)
Pere Ubu – New Picnic Time (DI)
Pere Ubu – The Art Of Walking (SGSP)
Pere Ubu – The Modern Dance (DI)
Peter Laughner & Friend – Take the Guitar Player for a Ride (DI)
Pink Floyd – A Saurceful Of Secrets (SGSP)
Pink Floyd – The Piper At The Gates Of Dawn (DI)
Pixies – Come on Pilgrim (SGSP)
Pixies – Doolittle (DI)
Pixies – Surfer Rosa (SGSP)
Pussy Galore – Right Now! (DI)
Question Mark & the Mysterians – Best of (DI) [raccolta]
Quilt – Quilt Folkadelphia Session 1/16/2013 (SGSP) [EP]
Rage Aganist The Machine – Rage Aganist The Machine (DI)
Ramones – Ramones (DI)
Ramones – Rocket To Russia (SGSP)
Rare Bird – As Your Mind Flies By (DI)
Richard Hell & The Voidoids – Blank Generation (DI)
Richard O’Brien – The Rocky Horror Picture Show (DI) [l’unico musical che come film raggiunge i livelli del favoloso show dal vivo]
Robert Johnson – The Complete Recordings (DI)
Robert Wyatt – Rock Bottom (DI)
Robert Wyatt – Ruth Is Stranger Than Richard (SGSP)
Rocket from the Tombs – The Day the Earth Met the Rocket from the Tombs (DI) [raccolta]
Rodriguez – Cold Fact (DI)
Sam & Dave – The Best of (DI) [raccolta]
Sam Cooke – Portrait Of A Legend 1951 -1964 (DI) [raccolta]
Santoros – Animals (SGSP) [EP]
Satan 81 – Radioattività (SGSP) [EP]
Scraping Foetus off the Wheel – Nail (SGSP)
Screamin’ Jay Hawkins – I Put A Spell On You (SGSP)
Sergei Prokofiev – Alexander Nevsky Op. 78 (DI)
Shadows Of Knight – Gloria (DI)
Skiantos – Inascoltabile (DI)
Skiantos – Kinotto (DI) [Gelati è il miglior pezzo rock della storia italiana, per quanto possa valere l’opinione di un imbecille come me]
Skiantos – MONO tono (DI) [Pesto Duro è la miglior cover di tutti i tempi]
Soft Boys – Underwater Moonlight (DI)
Soft Machine – 3 (SGSP)
Son House – Delta Blues (DI) [raccolta]
Sonny Boy Williamson I – The Original Sonny Boy (SGSP) [raccolta]
Sonny Boy Williamson II – His Best (DI) [raccolta]
Spaceman 3 – Sound of Confusion (DI)
Squadra Omega – Squadra Omega (DI)
Steve Reich – Music for 18 Musicians (DI)
Suicide – Suicide (DI)
Sun Ra – [più o meno tutto] (DI)
Swamp Dogg – Rat On! (SGSP)
Syd Barrett – Barrett (DI)
Syd Barrett – The Madcap Laughs (DI)
Tangerine Dream – Alpha Centauri (DI) [il mio preferito in assoluto assieme a “Tommy” degli Who]
Television – Marquee Moon (DI)
13th Floor Elevators – The Psychedelic Sounds of the 13th Floor Elevators (DI)
The Abigails – Tundra (DI)
The Adventure Of Robert Savage – Vol.1 (SGSP)
The Alley Cats – Escape From The Planet Earth (DI)
The Bar-Kays – Soul Finger (SGSP)
The Belmont Playboys – On Night Of Sin (SGSP) [live]
The Black Keys – Rubber Factory (SGSP) [quando ancora erano decenti]
The Brian Jonestown Massacre – Strung Out In Heaven (DI)
The Brian Jonestown Massacre -Their Satanic Majesties’ Second Request (DI)
The Castaways – Liar, Liar / Sam (DI) [singolo]
The Chocolate Watch Band – No Way Out (SGSP)
The Compulsive Gamblers – Crystal Gazing Luck Amazing (SGSP)
The Contortions – Buy (DI)
The Cramps – Bad Music for Bad People (SGSP) [raccolta]
The Cramps – Songs the Lord Taught Us (DI)
The Damned – Damned Damned Damned (SGSP)
The Deadly Snakes – Ode To Joy (DI)
The Deviants – Ptoof! (SGSP)
The Doors – Strange Days (SGSP)
The Doors – The Doors (DI)
The Fabulous Wailers – The Original Golden Crest Masters (DI) [raccolta]
The Feelies – Crazy Rhythms (SGSP)
The Fleshtones – Roman Gods (DI)
The Fugs – Fugs First Album (DI)
The Fugs – Fugs Second Album (DI)
The Fuzztones – Flashbacks (SGSP)
The Germs – (MIA) The Complete Anthology (DI) [raccolta]
The Godz – Contact High with the Godz (DI)
The Godz – Godz 2 (SGSP)
The Gories – I Know You Fine, But How You Doin’ (SGSP)
The Gun Club – Fire Of Love (DI)
The Gun Club – Pastoral Hide & Seek (SGSP)
The Insect Trust – Hoboken Saturday Night (SGSP)
The Jesus and Mary Chain – Psychocandy (DI)
The Kaleidoscope – A Beacon From Mars (SGSP)
The Kings – Anthology One (SGSP) [raccolta]
The Litter – Distortions (DI)
The Mono Man – Sic and Tonic (SGSP)
The Music Machine – Turn On: The Best of (DI) [raccolta]
The Pop Group – Y (DI)
The Red Crayola – God Bless (SGSP)
The Red Crayola – Parable Of Arable Land (DI)
The Relevators – We Told You Not to Cross Us (SGSP)
The Rolling Stones – Exile On Main Street (DI)
The Seeds – The Seeds (DI)
The Shadows – Best of (DI) [raccolta]
The Sonics – Here Are The Sonics!!! (DI)
The Stooges – Fun House (DI)
The Stooges – The Stooges (DI)
The Surfaris – Wipe Out (SGSP)
The Traditional Fools – The Traditional Fools (SGSP)
The Trashmen – Surfin’ Bird (DI)
The Troggs – Love Is All Around (DI)
The United States Of America – The United States Of America (DI)
The Urinals – Negative Capability Check It Out (DI)
The Velvet Underground – Loaded (SGSP)
The Velvet Underground – The Velvet Underground & Nico (DI)
The Velvet Underground – White Light / White Heat (DI)
The Ventures – 50th Anniversary: Walk Don’t Run (DI) [raccolta]
The White Stripes – De Stijl (DI)
The White Stripes – The White Stripes (SGSP)
The Who – A Quick One Box (SGSP)
The Who – Live at the Isle of Wight Festival 1970 (DI) [live]
The Who – My Generation (DI)
The Who – The Who Sell Out (SGSP)
The Who – Tommy (DI) [il mio preferito in assoluto assieme a “Alpha Centauri” dei Tangerine Dream]
The Who – Tommy The Movie (DI) [colonna sonora all’omonimo ed incredibile film del maestro Ken Russell]
The Who – Who’s Next (DI)
Thee Oh Sees – Carrion Crawler / The Dream (DI)
Thee Oh Sees – Castlemania (DI)
Thee Oh Sees – Floating Coffin (DI)
Thelonious Monk – Genius of Modern Music: Volume 1 (SGSP) [raccolta]
Thelonious Monk – Genius of Modern Music: Volume 2 (SGSP) [raccolta]
Thinking Fellers Union Local 282 – Lovelyville (DI)
Third Ear Band – Alchemy (DI)
Third Ear Band – Macbeth (SGSP)
Third Ear Band – Third Ear Band (DI)
Throbbing Gristle – The Second Annual Report (DI)
Throbbing Gristle – 20 Jazz Funk Greats (DI)
Tim Buckley – Goodbye and Hello (SGSP)
Tim Buckley – Greetings From L.A. (DI)
Tim Buckley – Lorca (DI)
Tom Waits – Rain Dogs (SGSP)
Traffic – John Barleycorn Must Die (DI)
Ty Segall – Singles 2007-2010 (DI) [raccolta]
Ty Segall – Twins (DI)
Ty Segall Band – Slaughterhouse (DI)
Van Der Graaf Generator – H to He, Who Am the Only One (SGSP)
Van Morrison – Astral Weeks (DI)
Violent Femmes – Violent Femmes (DI)
Virgin Prunes – If I Die, I Die (SGSP)
Weather Report – I Sing the Body Electric (SGSP)
White Zombi – Soul Crusher (SGSP)
Willie Dixon – I Am The Blues (DI)
Wilson Pickett – Wilson Pickett’s Greatest Hits (DI) [raccolta]
X – Los Angeles (DI)
X – Wild Gift (SGSP)
You’ve Got Foetus On Your Breath – Ache (SGSP)
Young Marble Giants – Colossal Youth (DI)
Zig Zags – 10-12 (Burger Records Cassette) (DI) [raccolta disponibile in musicassetta o album digitale]
Zig Zags – Zig Zags (DI)

Probabilmente me ne sono sfuggiti qualcuno, ma saranno aggiunti quando mi sconfiferà (o quando qualcuno mi insulterà dicendo: ma deh non hai messo ******* cazzone? E io: e chi cazzo è/sarebbero? E loro: sono/è allucinanti/te, ascolta cazzo! Ed io li/lo ascolterò, li/lo amerò, e compariranno qui cancellando tutto il resto).

69 risposte a “lista degli album che mi sconfinferano

  1. sei nove sono andato alla stazione a comprare l’eptadone poi mi è prese l’emozione son scappato col furgone…”” Cit.
    🙂
    Complimenti bel blog fatto molto bene.

  2. Ehi, il musical è un genere musicale magnifico in cui perdersi, non c’è niente di cui vergognarsi – semmai dovrebbe farlo chi lo snobba a cazzo! 🙂

    • Magari! Addirittura in ambienti culturalmente “alti” per definizione la questione musical è molto controversa. Incomprensibile. Per me ci sono pochi spettacoli dal vivo ad avere l’imponenza di un musical di Broadway o della West Coast, ed inoltre grazie alla guida di Sergio Miceli ho imparato tanto sulla grandezza del musical nel cinema.

      Nel 2014 c’è ancora un genere fortemente ostracizzato, in Italia ovviamente.

      • In Italia, appunto… terzo mondo, diffidente e retrogrado sempre e comunque. Pronto magari a tessere elogi pelosi alle robe di Cocciante o della Nannini, ma a trattare con sufficienza Rodgers & Hammerstein, Blitzstein e pure Bernstein.

  3. Ah, ma hai risposto! Ferie finite?
    E io che stavo ad aspettare l’email di notifica…, ma se non inserisco l’indirizzo, la vedo dura. 🙂
    Fatto (ora, però).

    Per me i T.W.R. sono uno dei gruppi più sottovalutati della storia (va be’ limitiamoci al rock degli anni ’80-’90 – è meglio), il loro sound mi “sconfifera” all’ennesima potenza, ecc. ecc…
    Ma è chiaro che pesa molto il gusto personale.
    Però ti consiglierei un’ascoltatina a questi 3, prima di tornare – forse – a ignorarli (chissà, spero di no):
    1985 – Exploring the Axis
    1987 – Moonhead
    1990 – Sack Full of Silver

    Foxtrot59.

    • Ci sto di brutto, ultimamente sono un po’ in fissa per Young Marble Giants, Gang of Four e Cramps, quindi acquistare qualcos’altro di made in eighties non può che farmi piacere.

      Sono ancora in vacanza ma ho trovato un gentilissimo vicino che mi presta fino al 17 agosto la sua linea. Da quel giorno in poi mi potrò dedicare con tutto me stesso alla lettura (Truman Capote perlopiù), ai film che ho comprato e che ancora non ho visto (Bigelow, Cronenberg, Herzog e qualcos’altro), al disegno, alla scrittura ma sopratutto mi inquinerò il cervello di videogiochi.

      Naturalmente non potrò più rispondere sul blog.

  4. Non importa se non risponderai.
    Ti segnalo lo stesso che qui:
    “Area – Crac! (DI) [raccolta]”
    qualcosa non quadra.
    “Crac!” raccolta?!?

  5. Mi piacciono da matti i Pixies (fra l’altro mi sono appena reso conto che né “Come on Pilgrim” né “Doolittle” sono in lista! Debbo rimediar tosto!) per cui anche i primi Breeders mi sconfinferano un po’, l’unico problema è che non posseggo ancora nessun loro album. Forse mi hai dato un’idea per un regalo di natale (per me, ovviamente).

    North By North dei The Bats è uno dei miei riff preferiti in assoluto, il resto, ad essere sinceri, non mi fa impazzire. Certo, pezzi come Round and Down mi piacciono, ma dopo due o tre ascolti vorrei uccidere qualcuno (la mia ragazza, invece, li adora).

    Più o meno lo stesso discorso vale per i Clean di “Vehicle”, ci sono parecchi pezzi della loro discografia che incontrano il mio gusto alla grande, ma in generale non mi fanno impazzire.

  6. Intanto buongiorno(anche se é l’una di notte)perché l’educazione prima di tutto.Finalmente vedo in una lista dei migliori dischi Rock Bottom del grande Robertone.Visto che in Italia saremo in due a conoscerlo(con Scaruffi saremmo tre,ma quel simpaticone sta in America)penso sarebbe interessante una tua recensione su questo,purtroppo ignorato,capolavoro.

    • Ricambio il cortese buongiorno. Per il mio modesto gusto “Rock Bottom” e “Ruth Is Stranger Than Richard” sono dei capolavori inestimabili (ma anche “End Of An Ear” non scherza), però ci tengo a sottolineare che questa non è una lista dei migliori album in assoluto, ma solo una lista di quelli che piacciono a me. Dato che conoscerò sì e no l’1% della produzione musicale rock (e i suoi derivati) preferisco non sbilanciarmi con gli assoluti.

      Devo dire di conoscere qualche pazzo che adora Wyatt, ma perlopiù sono progger innamorati dei Soft Machine, i quali nella loro bieca ignoranza considerano il Wyatt solista un divertissement ma nulla più.

      Mmm… in effetti una bella recensione a Wyatt ci starebbe assai… Intanto finisco quelle già principiate, e poi pensiamo al grande Robertone.

      • Che la lista fosse personale l’avevo capito,anche perchè credo che nessuno singolarmente possa stilare una classifica dei migliori album,film,libri ecc.ecc. in assoluto,e se dice di esserne in grado di solito non ha capito un cazzo.Comunque sono contento che ci sia qualche fan di Wyatt in Italia,anche se mi sa che siamo una razza in via d’estinzione.

  7. Bel listone tanti bei dischi che piacciono anche a me dai ’60 ai tempi piu recenti..ma non hai attinto da scaruffi? 😀

    • Perlopiù ho attinto dalla colleziona di mio padre, tutta la roba anni ottanta dal mio pusher di fiducia a Firenze (con il quale ho scoperto Cramps, Pere Ubu e Fleshtones) e la roba contemporanea dai blogger sotto acido d’oltreoceano. Scaruffi l’ho scoperto tardi, dopo aver constatato che è la rockstar più chiacchierata del web italiano.

  8. “Vol 2” della West Coast Experimentalists Pop Art Band? I primi due dischi dei Silver Apples? Sono due gruppi anni ’60 niente male!
    E l’hai mai sentito “A Way of life” dei Suicide? Nessuno se li fila dopo il primo disco, ma pure gli altri non sono male!

    • Alan Vega è stato un genio, assieme a James Chance forse i più sottovalutati della scena newyorkese, ho tutto del buon Vega e mi piace più o meno ogni cosa, anche se negli anni è calato parecchio. “A Way of Life” spacca parecchio.

      I Silver Apples li conosco ma non ho manco un mp3, porcazozza. I The West Coast Pop Art Experimental Band è la prima volta che li sento nominare! Sto ascoltando qualcosa adesso nel web e devo dire che sono piuttosto interessanti, grazie!

      • beh, in fatto di simili personaggi strampalati che mi dici di Chick Ganimian, Napoleon XIV, Fifty Foot Hose/Ethix, Comagnon?

        P:S: penso di non aver mai detto/scritto correttamente il nome della West Coast Pop Art Experimental Band (ora non conta che ho fatto copia incolla…)

        • Immagino intendessi Cromagon, “Orgasm” è un album strabiliante, anche se senza molti punti di riferimento per l’ascoltatore. Fifty Foot Hose un passo avanti ai più famosi The United States Of America, e anche molto più influenti per i primi post-punk. Napoleon XIV so che è una specie di mito, ma non ho mai ascoltato nulla, merita? Oppure è una specie di Daniel Johnston? Chick Ganimian non so proprio chi sia, su internet lo danno come precursore del prog, ho ascoltato qualcosa (dei Ganimian & His Orientals) e mi sembra parecchio ganzo, un jazz storto (a tratti mi ha ricordato Mulatu, ma forse più per ignoranza mia che per volontà sua).

          • No, credo che Napoleon XVI fosse sano di mente: semplicemente parlava di follie varie: sono novelty songs un po’ deliranti. Poi sapeva registrare, quindi non c’entra molto con Daniel Johnston, forse vagamente con qualcosa di kim fowley. Ma proprio vagamente.
            Non conosco Mulatu, però si è fico Chick Ganimian. Non penso centri nella col prog: semplicemente era un americano figlio di immigrati armeni che suonava per altri armeni americani e a cui piaceva il jazz. Lo danno pure come precursore della psichedelica ma queste definizioni sono un po’ tirate per uno che suonava in ristoranti e locali di danza del ventre…

            • Basta dire “Kim Fowley” e sono a posto, me lo ascolto a razzo. Sì, beh, ascoltando qualcosa di Ganimian mi vengono in mente molti jazzisti, ma nessun progger o musicista psichedelico made in sixteen, però si tende a dare dei precursori un po’ tutti. È uno sport internazionale. Quindi immagino già stra-conoscerai gruppi come Godz, Fugs e Kaleidoscope.

              • I Kaleidoskope non li avevo mai sentiti, li sto ascoltando ora per la prima volta: “Taxim”, “Oh Death” e “Beacon from Mars” sono notevolissime!
                Fugs e Godz invece li conosco: di entrambi non amo i dischi di debutto (troppo sgangherati per i miei gusti), mentre i secondi album mi piacciono molto. Soprattutto Godz 2, quello è veramente figata: sono uno dei gruppi più sottovalutati di sempre probabilmente…
                di Napoleon XIV quindi che mi dici?

  9. Beh, New York in quegli anni ha sfornato un sacco di gruppi notevolissimi e sottovalutatissimi: liquid liquid, esg, defunkt, james blood ulmer,…

    • Geniali i Defunkt! Liquid Liquid notevoli, ma non mi sono mai piaciuti. Persino i Tuxedomoon non mi fanno impazzire, per quanto ne comprenda l’importanza e la valenza delle idee. Però i loro happening dal vivo davano, almeno per me, una maggiore quadratura alla musica.

    • Adoro Montgomery ma “This Is Not A Dream” non l’ho mai ascoltato! So che è un oggetto di culto, molto seminale e blablabla però sono pigro per cui… Comunque sia l’ho comprato oggi in versione digitale su Amazon per 8,99 eurini.

      (Un’altra band che ha fatto solo un album di cui si parla troppo poco sono i Young Marble Giants, “Colossal Youth” è una figata che merita di essere venerata)

  10. bo… allora forse “This is not dream” piace solo a me :).. pure Scaruffi gli da solo un 8… secondo me e da 9 almeno… ottimi anche i Pin Group ( sempre lo zampino di Roy .. )….

  11. Ma allora “My Generation” sconfifera anche te! 😀
    Comunque già vedendo “Yeti” sapevo che sarebbe stata una bella lista, e infatti la è. Faccio solo fatica a considerare i “best of” come album veri e propri.

    • Per i me il concetto di album è sopravvalutato, solo in rari casi nel rock e nel jazz la musica è pensata in un contesto più organico, di solito sono solo i pezzi migliori venuti fuori da svariate sessioni di registrazioni. Il best of è questo, solo con una ulteriore scrematura, e proprio come negli album ci sono quelli buoni e quelli di merda (dipende dal metodo di selezione dei pezzi).

      “My Generation” è il primo 33 giri degli Who che ascoltai. Oggi lo rivaluto e gli preferisco di gran lunga le live, però cazzo, al cuore non si comanda. Cazzo.

      • Eh già! 😀
        Quando dici che il concetto di album è sopravvalutato non so a chi ti riferisci…
        Personalmente, di solito quando voglio ascoltare un artista ascolto album interi, perché se ascolti solo le canzoni più famose spesso ti perdi un mondo!
        (Però c’è da dire che alcuni generi particolari si sono espressi / si esprimono più tramite singoli o EP che tramite album, e per quelli varrebbe un discorso a parte.)
        Detto ciò, son d’accordo che farsi una scaletta coi propri pezzi preferiti faccia comodo molte volte, ma quello che non mi sta bene dei best of è che la scaletta non è scelta da me.

        • Non è tanto una questione che lego alla qualità dei singoli pezzi in un album, ma più al concetto di album come contenitore di un pensiero coerente. Gli album si titolano, come si fa con i romanzi per esempio, ma quel titolo è vuoto di significato il più delle volte. Quindi per prima cosa perché limitarsi dietro ad un parola o una frase ad effetto? Secondo: perché vivere schiavi del minutaggio? Posso capire quando eri limitato dal 33 giri e persino le registrazioni dal vivo dovevano considerare che ad un certo punto eri costretto ad alzare quella puntina, ma dagli anni ’90 in poi ha perso di senso e oggi con Soundcloud, Bandcamp e amici vari è davvero anacronistico.

          Ora però sto un po’ sbarellando, quello che intendevo nel commento precedente è che ci sono molti album di band anche epocali che hanno al massimo tre pezzi della Madonna, e a quel punto spenderci 20€ mi fa salire certi istinti omicidi che tengo a bada solo con l’alcol e l’ascolto ripetuto di “From the Caves of the Iron Mountain”.

          Io adoro Question Mark & The Mysterians, Music Machine, Seeds e compagnia garage cantante, ma a volte è meglio un bel Best of (fatto con tutti i crismi) che avere decine di album e 45 giri che ascolti una volta nella vita e rizzati.

          • Concordo sul non essere (sempre) un contenitore di pensiero coerente. Concordo anche sulla faccenda dei pezzi buoni, però, ripeto, se li conosci già, meglio farsi una scaletta propria a quel punto, no?

            • Se li conosci già e hai i dischi ovviamente non ha alcun senso comprarsi il Best Of, ma se sei un cazzo di barbone come il sottoscritto allora ti compri solo il Best Of e gli altri album te li ascolti in “live streaming” (ovvero sul piatto del negozio di vinili dove mi fornisco).

  12. Scusa se mi intrometto, ma non avete ancora scoperto ne 2015 Spotify ( non dico Soulseek per ovvi motivi 🙂 ? Che nostalgia pero’ – ho 40 anni , si capisce 🙂 – .. pensate che pure un negozio storico come Buscemi qui a milano – in centro – ha praticamente chiuso ( e’ rimasto l’ on-line e un buco per il ritiro dallo stesso ) ; a vendere dischi rimangono solo qualche negozietto di usato .. ma in che città vivete , scusate ?

    • Intromettiti pure, non siamo permalosi! Spotify non lo uso per il semplice fatto che il 90% delle band che seguo contemporanee sulla piattaforma non esistono, per cui è inutile (anche se avendo 25 anni è quasi un’anomalia dirlo, ma vabbè). Non sono però un fanatico del supporto fisico, io molti album li compro IN DIGITALE, per cui non il 33 giri o il CD fisico. E li compro anche perché sono spesso band piccole e misconosciute, per cui quei cinque-sette-dodici euro gli possono far comodo.

      Da me a Firenze avevano aperto due nuovi negozi di vinili sull’onda delle vendite dell’anno scorso, ma hanno chiuso, per cui vado dagli unici due storici che ci sono in centro, ma quasi mai per comprare (perché dovrei acquistare un album dei Troggs per 200 euro – originale, prima stampa, cazzi e mazzi se posso avere la discografia per 5 in digitale?). Spesso nei negozi di dischi, sopratutto quelli con album molto rari e gestiti da gente competente ci vado per ascoltare. Faccio, se così si può dire, “streaming” analogico.

    • Io solitamente ascolto le cose online (gratuitamente) e poi la roba che mi “sconfifera” di più vado a comprarla. Ma solo un disco ogni tanto, che non ho tutti sti soldi.
      Mi piace in ogni caso andare in negozio ogni tanto, più che altro perché significa anche aggregazione, persone che ne sanno, ecc..

      • La penso esattamente come te,ho sempre comprato la roba che mi “sconfifera” e altre cose le scarico gratuitamente!
        Ma la smania di avete un altro centinaio di titoli fisici e originali ce l’ho, giusto pet completezza.
        Oramai lo streaming musicale e’ il futuro,da qualche mese sono abbonato ad apple music, con 10€ al mese puoi accedere al fornitissimo catalogo apple e lo sfrutto in cuffia, in auto e anche da pc o mac,alla quale aggiungo l’ascolto di robba nuova scaricata da pc e il cd fisico praticamente non lo uso piu’.
        Anche diversi titoli usati acquistati da un amico mesi fa alla fine finisco per sentirli tramite download o appunto apple music.
        Il fatto stesso che i lettori cd stanno scomparendo dai pc portatili e fissi la dice lunga.

  13. Io invece data l’impossibilita’ di star dietro a tutto ho deciso di completare la mia personale discografia essenziale che conta circa 1300 titolo e il resto scaricarmelo da internet gratuitamente perche’ di pagare un file audio sinceramente non se ne parla proprio.

    • Beh, dai ci sono file audio che non hanno molto da invidiare al “calore” dell’analogico. La mia versione FLAC di “Safe & Milk” “Safe As Milk” suona meglio del 33 giri in plastica da riciclaggio. Poi da quando ho gettato l’Emerson EA-2400 per un amplificatore serio mi sembra che tutto suoni meglio.

  14. Vedi, ricordavo che avevi scritto “Safe & Milk” da qualche parte in questa pagina! Non nella lista ma nel commento del 12 settembre! 😀

Insultami anche tu!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...