Harsh Toke – Light Up and Live

81xL9-V3V3L._SL1400_

Credete che i festival come Coachella siano solo per fighette che si bagnano ad ogni uscita degli Arcade Fire? Quando pensate alla California invece delle belle spiagge e delle tette vi vengono in mente feedback lancinanti, molta birra e tante, tante belle tette? Beh in questo caso gli Harsh Toke sono la band che fa per voi.

Capitanati da due skater famosissimi in patria (c’è Justin “Figgy” Figueroa alla chitarra, al basso Richie Belton) gli Harsh Toke non si pongono di certo chissà quali seghe mentali, o rasponi materiali, quando si approcciano al rock, il loro sound è un mix decisamente riuscito di Hawkwind, Blue Cheer, prog classico e jam infernali, non lontani dai riff potenti e decisamente vintage dei Kadavar. Non è un caso se l’etichetta sia la stessa, questa Tee Pee Records, piccola e misconosciuta, ma con qualcosa da dire in mezzo a tutto questo revival ’60-’70 californiano.

Chiaramente parlare di revival per Thee Oh Sees, Ty Segall, White Fence, Kadavar, Blue Pills e via discorrendo è riduttivo (anche se in alcuni casi, come nei Blue Pills, è fin troppo esaustivo), ma non percepire Syd Barrett nei Thee Oh Sees significa esser sordi (mentre ridurli solo a quello significa esser scemi).

Cosa c’è da dire sulle quattro tracce che compongono “Light Up and Live”? Pochissimo.

Da un certo punto di vista la mancanza di un concetto alla base di questi album può far storcere il naso a qualcuno. Perché continuare con viaggi psichedelici nel 2014, sopratutto se privi di importanti novità? Beh, diciamo pure che qualche nota differente gli Harsh Toke ce la mettono in questo album. Intanto la struttura dei brani, fluida, ineluttabile, più che ricercare una perfezione (King Crimson) lascia scorrere le idee, tramortendo. Certamente è fluida anche la struttura di un “Alpha Centauri” dei Tangerine Dream, come di qualsiasi album degli Acid Mothers Temple, ma i giri di basso ammiccanti ai Black Sabbath, i riff che volano fino a perdersi nella stratosfera (i già citati Hawkwind), la grezzità del suono lontano dal perfezionismo tecnico tipico del prog fanno di “Light Up and Live” un ponte di contatto tra i rimandi agli Spacemen 3 negli Zig Zags e le violente derapate strumentali nei Thee Oh Sees (Lupine Dominus).

Rest in Prince e Weight of the Sun sono unite nella musica, ma la band di Figueroa non ci dà punti fermi o momenti di riflessione, preferisce frastornarci fino all’inverosimile. Ma il vero schiaffo arriva con la title track, dieci minuti che già a metà esplodono con una potenza devastante per poi prolungarsi fottendosene altamente della tensione, delle regole, del buon senso e della fruibilità, ma ha un motivo tutto questo o è della musica semplicemente senza idee?

Il senso c’è, ed è un po’ disperso in tutte le pubblicazione californiane (e quelle in linea col sound californiano) contemporanee, il bisogno di creare un muro che invece di dividere inglobi tutto. L’alienazione degli anni ’60 che si poteva provare negli Acid test (mentre i Grateful Dead stordivano folle di fumati) nasceva con premesse del tutto diverse da quella delle odierne furiose e psichedeliche sessioni di jam degli Harsh Toke, i muri che propongono le band di oggi essenzialmente sono espressione di un menefregismo generazionale devastante.

No brains inside of me, no brains inside of me ripetono con leggerezza i Thee Oh Sees in Maze Fancier, ed è quello che urlano anche Ty Segall, gli Zig Zags e questi Harsh Toke. La leggerezza non passa più dalle canzonette, dalla melodia (facile o complessa che sia), ma dalla alienazione da un mondo allo scatafascio per cause che non riusciamo a capire o che proprio non vogliamo capire, questa generazione, la mia generazione, definita senza valori né cervello né speranze trova la sua perfetta espressione musicale proprio in questo nuovo ambiente californiano. 

In certe declinazioni ci sono molte similitudini nel fenomeno italiano del momento, la Psichedelia Occulta, anche se con certe differenze che mi fanno preferire quest’ultima al rock californiano. La meravigliosa trasposizione del mercato di Porta Palazzo dei La Piramide di Sangue, che dalle impressioni di un album straordinario composto da numerosi artisti come “SUK Tapes and Sounds from Porta Palazzo”, tirano fuori un pezzo per il loro ultimo lavoro come Esoterica Porta Palazzo, dimostrando quanta profondità ci sia in questo movimento di cui molti parlano, ma che nessuno sembra voler criticare in modo più professionale e approfondito. Più simili al sound californiano ci sono gli In Zaire, per esempio.

Vabbè. come la solito perdo il filo del discorso e finisco a parlare d’altro, ci vuole pazienza…

Che dire, vi consiglio questi Harsh Toke, assieme al disco vi consiglio di sorseggiare della buona birra, se siete pigri come me e gli album ve li fate portare a casa allora vi consiglio (e tre) Beerkings per le birre, un sito allucinante che ho conosciuto da poco e che sto amando più della mia ragazza. Ci sono pure i voti e le recensioni delle birre, il che vi fa sembrare molto più raffinati di un drogato qualsiasi.

  • Lo Consiglio: a tutti quelli che “Doremi Fasol Latido” non fa per niente cagare, che adorano le jam infernali con chitarre scordate e la birra artigianale. O anche solo un lattina di Heineken.
  • Lo Sconsiglio: se siete dei progger convinti non è roba per voi, insomma in questo blog i Dream Theater non erano buoni prima e ora fanno schifo, son sempre stati una merda masturbatoria. 
  • Link Utili: cliccate QUI per la pagina Bandcamp degli Harsh Toke con due jam da 21 minuti ciascuna (!), cliccate invece QUI per il sito della Tee Pee Records, se volete godere delle splendide sensazioni di Esoterica Porta Palazzo allora cliccate QUI

E ora qualche video:

una devastante live dei Toke

qui con Lenny Kaye (!!!) che suonano Gloria (!!!)

e infine qualche allucinante lacchezzo con lo skate di Figueroa

 

Annunci

10 risposte a “Harsh Toke – Light Up and Live

    • Wow, questa roba era comparsa su Noisey? Grazie mille per la dritta!

      Gli Harsh Toke spaccano decisamente i culi, sempre nelle nuove leve dello stoner psichedelico mi attizzano a sufficienza i Kadavar (anche se sono un po’ più “vintage”), mentre sono altrettanto devastanti gli Shooting Guns. Sempre sulla scia dello skateboard ci sono gli Zig Zags, che sono un fritto misto di stoner/space rock/psych/garage/punk piuttosto devastante.

      Grazie ancora per il link!

      • Prego prego, io sono decisamente in fissa per il genere e la scena, io ti consiglio di dare un ascolto a earthless, joy, sacri monti e arctic (gruppo parallelo di figgy con al basso un altro skater, “nuge”; purtroppo si trova davvero poco però….). In ogni caso la lista di nomi è infinita se si comincia a parlare di stoner psichedelico, heavy psych, jam rock ecc ecc…ci sono anche interessanti nomi europei ( non italiani purtroppo che io sappia, ma ci sti facendo un mezzo pensierino io qui a napoli). Se ti interessa approfondire comunque fammi un fischio, magari cerchiamo di capire delle cose insieme 🙂

        • Cavolo, te ne faccio anche tre di fischi, sono praticamente un neofita della scena, col taccuino mi sono già segnato le band che hai elencato in questo commento in preda ad una sorta di frenesia.

          In Italia, poco tempo fa fra l’altro, mi sembra che lessi di una nuova band vicina a questa scena, credo su Blow Up (cercherò). Gli In Zaire, sebbene mooooolto più portati verso la psichedelia e il prog, qualche accenno ogni tanto lo tirano fuori.

          • Si ho sentito qualcosa dopo che li hai nominati nell’articolo, a dire il vero qualcosa ci sta in Italia, ma soprattutto stoner; un paio di nomi: Sendelica e Ufomammutt in particolar modo, ti consiglio di dare un occhio ad un etichetta che si chiama “heavy psych sound” e che sorprendentemente è di Roma!! Io cmq sono praticamente un drogato di pezzi che durino almeno 7/8 minuti (almeno!) E che in una bolgia di fuzz e delay si mettano in gioco con furiose jam, è un po il concetto dello jazz…ma con due palle sotto grosse cosi; se ti va di restare in Europa: i portoghesi black bombaim, gli scandinavi Causa sui, o tedeschi samsara blues experiment…ma come al solito la lista è infinita 🙂

              • Se ti piacciono le jam infernali allora andrai matto per tutte le band della Psichedelia Occulta Italiana (In Zaire, La Piramide Di Sangue, Squadra Omega e via dicendo), personalmente le adoro a dismisura, anche se qui a Firenze non passa un cazzo e devo puntualmente spendere i peggio barini per andare a Torino.

                Ufomammutt mi sembra di averli già sentiti nominare mentre Sendelica manco per sbaglio (ma di entrambi non ho ascoltato niente!), porca trota quanta roba da recuperare!

                P.S.: più piccole sono più concentrazione richiedono.

Insultami anche tu!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...